Bungee Jumping: dalla leggenda che gli diede vita ad AJ Hackett

In una terra lontana nel sud del Pacifico che prende il nome di Isola Pentecoste, nello stato di Vanuatu, si sviluppa per la prima volta quello che oggi comunemente chiamiamo Bungee Jumping. 

 

La leggenda che accompagna la nascita di questo sport estremo narra che una donna dell’isola, maltrattata dal marito, decise di fuggire da lui arrampicandosi su di un alto albero. Nel momento in cui lui la trovò, la donna lo sfidò a buttarsi nel vuoto. A quel punto, avendola presa come una prova di coraggio, l’uomo non potè più tirarsi indietro e quando vide la moglie lanciarsi, si lanciò subito dopo di lei. La donna, prima di saltare si legò alle caviglie delle liane è riuscì a salvarsi, mentre il marito morì.

Da allora questo atto di disperazione venne ricostruito annualmente dalle donne dell’isola, ma dopo poco tempo gli uomini sentirono il bisogno di riscattarsi dell’umiliazione dimostrando a loro volta coraggio. Con il tempo questa pratica divenne un vero e proprio rituale di iniziazione, che voleva rappresentare il passaggio dalla giovinezza all’età adulta.

Solo intorno agli anni Settanta i membri del “Dangerous Sport Club”, dell’università di Oxford, studiarono per la prima volta un’alternativa più stabile e sicura rispetto alla liana e fecero il loro primo salto. Saltarono con delle corde di caucciù dal Clifton Suspension Bridge - Bristol, Inghilterra - e furono immediatamente arrestati per questo.



Dopo qualche anno il neozelandese A.J. Hackett, ispirato dal video che immortalava il primo salto effettivo di Bungee Jumping, insieme a Henry van Asch iniziarono a sviluppare delle vere e proprie corde elastiche. Ed è anche grazie a loro che si deve il nome Bungee - o Bungy - che in “kiwi” significa proprio corda elastica.

A seguito di diverse sperimentazioni, i due avevano bisogno di testare praticamente le corde alle quali avevano lavorato. Le loro menti follemente geniali non si limitarono a testarle su di un banale palazzo qualunque, ma raggiunsero Parigi e salirono di notte sulla Torre Eiffel e la mattina dopo A.J. Hackett saltò per la prima volta. Chiaramente anche lui venne arrestato con effetto immediato, ma con lo stesso effetto venne rilasciato dopo soli cinque minuti.

Fu da allora che il Bungee Jumping divenne un vero e proprio sport estremo. Il 12 novembre 1988 A.J. Hackett e Henry Van Asch aprirono il loro primo bungee center e poco dopo convinsero le autorità locali a permettere loro di renderlo ciò che oggi è uno sport praticato a livello mondiale da chiunque.

Vuoi essere un creatore di contenuti? Clicca qui

Il mio carrello

×

Product title

1 x €29,95

Totale parziale:

Check-out